BlueTooth e NFC

Evva

Il termine NFC individua un piccolo sottoinsieme delle numerose tecnologie RFId standardizzate presenti sul mercato.
L’ultima generazione di smartphone, di notebook e tablet hanno la tecnologia NFC integrata.

La traduzione in italiano di NFC è comunicazione a breve distanza e si è evoluta da una combinazione di RFID e altre tecnologie di connettività.
Contrariamente ai più semplici dispositivi RFID, NFC permette una comunicazione bidirezionale:
quando due apparecchi NFC (l'Initiator e il Target) vengono accostati entro un raggio di 4 cm, viene creata una rete peer-to-peer tra i due ed entrambi possono inviare e ricevere informazioni.
La tecnologia NFC opera alla frequenza di 13,56 MHz e può raggiungere una velocità di trasmissione massima di 424 kbit/s.
I protocolli NFC sono stati indirizzati a coprire distanze di lettura molto corte, buoni livelli di sicurezza (sia grazie al contenimento della distanza, sia grazie alle primitive crittografiche) e discrete velocità di transferimento dati, così da rendere questo protocollo estremamente adatto per lo scambio di dati personali in prossimità. Queste caratteristiche rendono la tecnologia NFC interessante da integrare nei prodotti di elettronica di consumo, come i cellulari, per abilitare nuove esperienze di coupling e scambio dati di prossimità e quindi perchè no di controllo degli accesi.........

Bluetooth trasmette nella banda da 2.400 a 2.483,5 MHz, la stessa dove operano le reti wireless 802.11b/g, ma con potenza molto inferiore
(tipicamente 1 mW contro i 35-100 mW del Wi-Fi). Anziché utilizzare un canale di frequenza fisso, Bluetooth salta 1600 volte al secondo, casualmente, da uno all’altro dei 79 canali larghi 1 MHz. Questo metodo si chiama spread-spectrum frequency hopping (salto di frequenza con spettro distribuito) e serve a ridurre al minimo la probabilità di interferenza tra diversi dispositivi attivi nella stessa area. La portata è solitamente di pochi metri (10 in campo aperto).

Sempre piu aziende stanno utilizzando questi due sistemi di trasmissione dati in modo da sfruttare le potenzialità degli smartphone per gestire gli accessi.

Questi sistemi di chiusura elettronici rappresentano, in particolar modo per aziende con molteplici sedi, la soluzione flessibile necessaria alle attività quotidiane;  è possibile inviare la chiave tramite Internet e non serve nient'altro se non un telefono cellulare NFC Bluetooth, Internet e un sistema meccatronico (cilindro, lettore murale, motocilindro). Le app di gestione rendono questi sistemi di chiusura intelligente una soluzione completa e allo stesso tempo semplice da usare.
Panoramica dei vantaggi:

  • Il telefono cellulare è la chiave
  • Invio di chiavi/autorizzazioni tramite Internet
  • Software gratuito come servizio Web
  • Cilindro modulare adattabile

 Evva partner               Sclak